Piano di Recupero area FIAT viale belfiore - fi

Concorso internazionale

2002

Con Arch. ARATA ISOZAKI

2° classificato

 

Il progetto non vuole proporsi come la creazione di un nuovo oggetto architettonico isolato, ma di sviluppare un nuovo “sistema urbano” composto da più edifici che interagiscono tra loro. Non quindi solo un nuovo oggetto di design applicato su un tessuto urbano esistente, ma un nuovo sistema di relazioni tra nuovi edifici che ricuciono il tessuto attuale e lo modificano in nuove direzioni. Dalle zone vicine di via Benedetto Marcello e viale Belfiore, non si avrà un monumento isolato da ammirare solo dall’esterno, ma nuovi spazi urbani (piazza, negozi, uffici, hotel) da attraversare e vivere quotidianamente. Il bando di concorso prevedeva già numerose funzioni distinte e favoriva tale frammentazione. A tal fine il progetto crea tre edifici distinti con tre forme diverse, che si intersecano tra loro in una nuova complessità urbana: l’hotel, il centro congressi, il blocco per uffici. Per distinguerli tra loro si sono usati tre materiali diversi che li differenziano per colori e consistenza materica.


 

Hotel

L’hotel è costituito da un blocco curvo di 6 piani che si affaccia, seguendone l’andamento, su Via Benedetto Marcello, a crearne una sorta di muro di difesa dal traffico stradale. Si prospetta così un edificio alto circa 20 metri, come gli altri edifici residenziali intorno, che risponde specularmente al contesto urbano circostante e che definisce un prospetto civile del progetto sul viale a fianco. La punta est dell’edificio è tagliata diagonalmente, rispetto al suo asse longitudinale, e la facciata cieca in pietra nera, che ne risulta, dialoga silenziosamente con l’edificio della “squadra rialzo” di Angiolo Mazzoni. L’hotel è tutto rivestito in granito nero, ad eccezzione delle parti vetrate del commerciale al piano terra e delle finestre a nastro delle camere superiori. Queste sottolineano dinamicamente la profondità orizzontale dei cinque piani superiori in pietra, sospesi su un basamento commericiale trasparente arretrato. La parte centrale del corpo di fabbrica presenta a piano terra un ingresso secondario verso nord su viale B. Marcello e la connessione con il volume interno in vetro, che contiene la hall principale dell’albergo. Gli spazi rimanenti del piano terra sono destinati ad ospitare attività commerciali, sviluppate longitudinalmente e caratterizzate da ampie pareti interamente vetrate che smaterializzano completamente l’intero livello terreno. Al termine troviamo, in direzione est, la biglietteria, il centro informazioni e il sistema di collegamento pubblico verticale con i livelli interrati dei parcheggi. Nella zona centrale al primo piano si accede al corpo parallelepipedo adiacente contenente il ristorante, un bar caffetteria, un centro benessere-palestra e sale meeting da affittare ai clienti. La tessitura esterna dell’edificio, caratterizzata da una fredda nera stereometria, si lascia aprire da una serie di lunghe fenditure orizzontali che lasciano penetrare una buona luce naturale nelle varie camere. Due lame orizzontali per piano che sottolineano lo spessore pesante dei muri in pietra, ritmano il procedere curvo delle facciate principali.


 

Uffici

Un lungo volume parallelepipedo blu elettrico costituisce lo sfondo dell’intero complesso, partendo dall’hotel fino a terminare a sbalzo dopo il centro congressi. Questo si sviluppa su tre piani, oltre il piano terra, e contiene le attività dell’hotel (ristoranti, palestra, sale meeting) prima di incontrare il volume in vetro e, a seguito, gli spazi per uffici. Questi sono distribuiti attraverso due corpi scala e ascensori, che li connettono anche ai piani di parcheggi interrati. Il piano terra di tale parallelepipedo è in vetro e ospita uffici su un piano “nobile” rialzato di 80cm al piano terra. Verso l’albergo troviamo al piano terra la hall di ingresso principale con reception, che potrà fungere anche da connettore con il centro congressi, essendone direttamente collegata. La copertura del parallelepipedo ospita, all’interno del volume cubico del centro congressi, ristoranti a spazio aperto per gli uffici e per la sala congressi, direttamente collegati anche con i ristoranti dell’albergo. Il prospetto del volume è rivestito in pannelli di alluminio di colore blu elettrico di forma rettangolare allungata, con orditura regolare ortogonale. La finestratura è composta sostituendo tali pannelli con vetri riflettenti della stessa dimensione a formare un’orditura dinamica irregolare che accompagna nella percezione prospettica del volume.


 

Centro Congressi

Un grande volume parallelepipedo in vetro di 72 metri di lato e alto circa 20 metri contiene il nuovo centro congressi. Questo è composto da una grande sala congressi da 800 posti realizzata in un unico volume di forma organica in legno rosso (cigliegio rosso nazionale) e da tre sale per seminari, ciascuno in un volume organico distinto dall’altro, sempre in legno rosso. Il vuoto del volume in vetro crea un grande foyer per la sala congressi e le sale da seminario – una sorta di piazza coperta – con quattro colonne portanti rivestite in pietra serena che sostengono la copertura. Le pareti perimetrali sono in vetro strutturale, ancorato alla copertura e alla base e sostenuto da un sistema di tiranti e sottili pilastri in acciaio. Il grande foyer è connesso anche con la hall di ingresso dell’hotel in un unico sistema aperto e contiene due scaloni principali per l’accesso alla sala congressi a quota +4 metri. Da questo ingresso in quota si entra nel centro del volume organico in legno e si discende o si risale al posto assegnato. Tale soluzione permette di usare gli spazi al piano terra dell’auditorium per la biglietteria, il guardaroba, un bar e l’accesso alle scale e ascensori che portano alla galleria. Le sale per seminari a lato sono di 100 posti cadauna e sono finalizzate allo svolgimento di meeting, piccole conferenze e seminari durante il periodo del congresso principale. La loro forma organica è anch’essa ottenuta con strutture in acciaio rivestite in legno e sostenuta da setti in cemento armato sottostanti. Il volume in vetro si affaccia sulla piazza pedonale tra il centro congressi e l’hotel, pavimentata in pietra serena e alberata. Gli alberi e la pavimentazione in pietra serena continuano dentro il foyer in vetro come arredo degli interni.


 

La piazza interna

Tra i tre volumi di progetto si sviluppa uno spazio urbano pedonale di collegamento e di interscambio. Un dialogo ravvicinato tra tre diversi elementi che proietta lo sguardo verso la città. La fermata degli autobus su viale Belfiore porta ad accedere alla piazza come primo approccio al progetto, indirizzando il visitatore verso la vetrata della hall d’ingresso dell’albergo, situata prospetticamente alla fine dei corpi laterali di pietra nera lucida dell’hotel con a terra un livello trasparente di negozi, da un lato, e la purezza della facciata vitrea del volume dell’auditorium, dall’altro. Questo spazio pubblico di piazza sottolinea il carattere urbano del complesso, come interazione di separati frammenti di città e non come un semplice oggetto monolitico. La pavimentazione è stata pensata in pietra serena con alberi bassi di arredo urbano e illuminazione a terra. Tale spazio pubblico potrà essere utilizzato dal pubblico dei convegni, ma anche da chi vive nelle aree attorno come nuovo spazio di riferimento per la vita quotidiana. Non un oggetto isolato, ma la ricucitura di una trama urbana.


Also you can select a lot of varieties of gemstone replica watches uk that you can get. This category can differ, one of them is actually, within volume of expensive jewelry. You will find can make that have expensive jewelry for that tag heuer replica sale. Several require only one meant for many of the 12 a long time in the walls wall clock. Various gemstone rolex replica retain the expensive jewelry all through his / her hand rings. There is only one with regard to every single choice. You might be asking yourself just what the price tag on this kind of rolex replica sale is actually. Costs are influenced by a few elements, like the dimension from the view, as well as the quantity of expensive jewelry they've.